20 ottobre 2011

La casa dei giovani chimici

Cari lettori,
questo è un post davvero speciale per me: l’ho scritto insieme a 17 giovanissimi collaboratori!
Infatti, ho deciso di partecipare al Carnevale della Chimica di ottobre con la classe II C della Scuola Media “Giovanni XXIII” di Pontevico (Bs).
Per chi non sapesse cosa sia un Carnevale della Chimica, consiglio di cliccare qui, per avere informazioni.
Il Carnevale di ottobre sarà ospitato dal blog Popinga del professor Marco Fulvio Barozzi: l’appuntamento è per il 23 ottobre 2011.
Il tema di questo mese è la chimica per la casa: il titolo mi ha ispirato e mi è sembrato particolarmente indicato per avvicinare i miei allievi a questa nuova materia.

Con i ragazzi ho iniziato a parlare di chimica circa un mese fa; dopo una breve introduzione alla disciplina, che potete leggere cliccando qui, ci siamo immersi in quest’avventura.

I ragazzi si sono autonomamente suddivisi in 5 gruppi:
•    Il gruppo della chimica in cucina
•    Il gruppo della chimica in bagno
•    Il gruppo della chimica in salotto
•    Il gruppo della chimica in camera da letto
•    Il gruppo della chimica in cantina

Personalmente mi sono limitata a seguire i ragazzi passo passo in questo percorso e a correggere il lavoro, dove necessario, da un punto di vista grafico e nozionistico.
Ho lasciato loro la massima libertà nella scelta degli argomenti da trattare e nell’impostazione: quello che vedrete tra poco, quindi, è in gran parte frutto della loro fantasia e creatività, con un piccolo aiuto da parte mia!

Iniziamo con la chimica in cucina.
Il gruppo formato da Luca, Martina, ed Eri ha scelto di presentarci un lavoro suddiviso in tre parti che tratta diversi aspetti chimici legati alla cucina. Per l’occasione, hanno anche disegnato una mascotte dal nome particolarmente azzeccato: Ampollino.
Di seguito potete lasciarvi guidare da Ampollino alla scoperta del loro lavoro.


Veniamo ora al gruppo della chimica in bagno. A questo lavoro hanno contribuito: Letizia, Giulia e Dan. Questi ragazzi hanno deciso di presentarci le sostanze cosmetiche che hanno scoperto nelle loro stanze da bagno: così hanno capito che, dietro ogni prodotto, c’è molta attività di ricerca nel campo della chimica.
Ecco a voi il risultato finale.


Procediamo con la chimica in salotto; questo gruppo è formato da: Camilla, Christian, Elif e Malina. Loro hanno pensato di presentarci la chimica nascosta dentro ad alcuni oggetti che si trovano in questa stanza: una lampadina, un televisore e i CD. I miei giovani allievi non avrebbero mai immaginato di scoprire tanta chimica in questi oggetti.
Qui potete vedere la loro presentazione.



Continuiamo il nostro percorso con la chimica in camera da letto. Il gruppo è composto da: Nicolò, Inderjit, Adzi ed Elian. Il loro lavoro ci porta alla scoperta dei diversi materiali presenti nella stanza dove “riposa la chimica”.
Eccone il risultato finale.

 

Infine, il gruppo della chimica in cantina.
Katia, Cristian e Lorenzo hanno fatto una scelta originale: hanno deciso di parlarci della chimica delle sigarette. Il risultato è una presentazione che spiega a tutti perché non bisogna fumare. Quale collegamento c’è con la cantina? Leggete e lo scoprirete!

Un aggiornamento.... La giovane Giulia M. l'altro giorno mi ha portato un contributo personale per il Carnevale: infatti, era assente mentre veniva realizzata una parte del lavoro, così ha deciso di presentarne uno tutto suo... Accompagnata da Gocciolino!
Ecco il suo lavoro:



Se questo lavoro vi è piaciuto è soprattutto merito di questi 17 ragazzi; a loro vanno i miei complimenti!

L’insegnante, Tania Tanfoglio.
Gli allievi: Adzi A., Camilla Z., Christian M., Cristian G., Dan C., Elian N., Elif A., Eri M., Giulia M., Inderjit S., Katia R., Letizia P., Lorenzo C., Luca B., Malina S., Martina C. e Nicolò C.

_________________

Note:
Il lavoro che vi abbiamo presentato, compresa la ricerca delle fonti, è stato portato avanti principalmente dai ragazzi; per questo motivo, non è sempre stato facile rintracciare le fonti dei loro lavori. Spero di non aver dimenticato nessuno:
Microsoft ® Encarta ® 2008. © 1993-2007 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. 

Le immagini presenti lavori dei ragazzi sono state rintracciate tramite ricerca libera su internet e, per questo motivo, valutati di pubblico dominio.

26 commenti:

  1. Bellissimo, e i tuoi ragazzi sono proprio bravi (nonché fortunati)!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie :-) Domani, dopo la verifica di geometria, farà leggere ai ragazzi i commenti e magari insegnerò loro anche come rispondere!

    RispondiElimina
  3. Complimenti!
    Ampollino è bellissimo! :-)

    RispondiElimina
  4. sono christian m. un alunno della prof tanfoglio, io ho fatto la chimica in salotto, grazie x i bei commenti! il merito è stato della prof. che ha avuto questa idea, grazie prof. :-)

    RispondiElimina
  5. Ciao io sono Giulia M. una alunna della prof. Tania Tanfoglio io ho fatto il lavoro sul bagno, grazie per i complimenti ma è tutto merito della prof. perchè senza di lei non saremmo stati capaci e grazie alla prof io e il mio gruppo abbiamo imparato cose nuove sul bagno. Grazie prof di averci aiutato e di essere stata vicino a noi ragazzi nei lavori. GRAZIE PROF!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Complimenti, ragazzi, per lo splendido lavoro che avete fatto!!
    Grazie a tutti voi e alla vostra brava Prof! :)
    Giulia.

    RispondiElimina
  7. Complimenti ragazzi, guardando i vostri bellissimi lavori ho imparato un sacco di cose!

    Roberto

    RispondiElimina
  8. Ma bravissimii!
    Devo tornare per spulciare meglio i lavori e ... rubare qualcosina per i miei più piccini (II media), con i quali parliamo di chimica in questo periodo.
    Grazie, raga e prof! Complimenti.

    g

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutti per i complimenti!

    RispondiElimina
  10. Poi dice che le nuove tecnologie non rendono più interessante lo studio!
    Veramente molto ben fatto!

    RispondiElimina
  11. ciao.sono Katia R. e sono una alunna della prof. Tanfoglio.faccio parte del gruppo della ricerca sulle sigarette. ringrazio molto voi per i commenti bellissimi e la prof. che ha avuto questa magnifica idea.ciao:-)

    RispondiElimina
  12. @giovanna: sono contenta che i lavori dei ragazzi siano apprezzati! Comunque anche questi ragazzi sono in II media, si può fare... Semplificando molto e guidandoli per far uscire la loro creatività!

    RispondiElimina
  13. Ciao sono Camilla Z. Un' alunna della prof Tanfoglio. Io ero nel gruppo del salotto da questo lavoro ho imparato tante cose che non sapevo. Grazie a tutti per i complimenti e grazie Prof.....!!!

    RispondiElimina
  14. Bravissimi ragazzi e bravissima la prof!!!..Mi avete davvero sorpresa!!Complimenti!:))
    Rosalba

    RispondiElimina
  15. Martina e Letizia27 ottobre 2011 15:24

    noi siamo due alunne della prof. Tania Tanfoglio, questo lavoro ci è piacuto molto perchè oltre a imparare cose sulla chimica ci ha insegnato a collaborare con gli altri; ma anche divertirci. Un grazie speciale va alla prof. ! :D

    RispondiElimina
  16. sono Elian N. ho 12 studio nella scuola statale di pontevico, la mia isegnante di scienze, matematica e geometria Tania Tanfoglio una maestra molto brava. Ero felice di partecipare al carnavale della chimica ma sono stato ascluso dal gruppo però mi sono divertito lo stesso. un saluto da Elian Nexha. CIAO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. @Paolo e Rosalba: Grazie per i vostri complimenti!

    RispondiElimina
  18. @Katia, Camilla, Martina e Letizia: grazie per i bei commenti che avete scritto. Sono contenta che questo lavoro vi sia piaciuto e vi abbia insegnato cose nuove. L'aspetto più bello è che avete compreso l'importanza di collaborare con i vostri compagni. Continuate così.

    RispondiElimina
  19. @Elian: Grazie per le tue belle parole. Ma ricorda: una brava insegnante è davvero brava quando lo sono anche tutti i suoi allievi. Un allievo è bravo quando ha dato il massimo delle sue capacità. Per te e per il tuo gruppo quest'avventura è stata un po' più complicata: avete scoperto che collaborare può essere difficile. Per collaborare bene, bisogna imparare a conoscersi e imparare a scoprire le qualità positive di ogni compagno. Ci vuole fiducia negli altri, ma bisogna anche meritarsi la loro. Inoltre, c'è un'altra cosa importante: bisogna capire che c'è un momento per divertirsi ed un momento per studiare e prestare attenzione. Sono sicura che, piano piano, imparando a conoscervi meglio e a rispettare le regole, farete lavori di gruppo con più facilità. Non dimenticare che dovrete espormi in gruppo il lavoro che avete fatto per il Carnevale della chimica. Per voi sarà una bella occasione per tirare fuori la grinta e l'entusiasmo e fare insieme un ottimo lavoro!

    RispondiElimina
  20. cristian g. christian m.29 ottobre 2011 12:45

    ciao gniari tt bn???? io sono cristian g. del gruppo delle sigarette. a me è piacuto spero che si rifa garzie prof spero che resti qua fino ke noi saremo in 3 ciao ciao.... io invece sn christian m. e sono molto contento di averlo fatto. e come ha detto il mio compagnio vorrei che restasse.

    RispondiElimina
  21. cristian g. christian m.29 ottobre 2011 12:51

    è stato molto interessante ed entusiasmante per noi fare questo lavoro con l'aiuto dei compagni e della prof.
    Da questo lavoro abbiamo imparato molte cose.
    Nicolò C. e Lorenzo C.

    RispondiElimina
  22. COMPLIMENTI !!! Sono un' alunna della scuola dove lei insegnava,a Pontevico(Sono di 3° B). Penso che siano molto belli i lavori che ha fatto fare ai suoi alunni,ed ho anche avuto conferma da alcuni di loro !!E'bello imparare cose nuove, e divertirsi tra compagni, ma sopratutto anche con i prof.
    Ancora tantissimi complimenti ! ;)

    RispondiElimina
  23. Grazie! Quando ci sono rispetto, dialogo e collaborazione da entrambe le parti, si riescono ad ottenere ottimi risultati. Gran parte del merito va sicuramente ai ragazzi e all'entusiasmo che, alla vostra età, siete capaci di mettere nelle attività che vi vengono proposte.

    RispondiElimina

placeholder
placeholder