05 gennaio 2015

La genetica dei gruppi sanguigni: analisi delle probabilità

Oggi prendo spunto da un commento sul blog e vi propongo un esercizio di genetica.

Un uomo con gruppo sanguigno AB Rh+ sposa una donna di gruppo B, anch'essa Rh+.
Hanno 4 figli con i seguenti gruppi sanguigni:

  • Marco: Gruppo sanguigno A, Fattore Rh positivo (Rh+)
  • Fabio: Gruppo  sanguigno AB, Rh negativoRh-
  • Francesco: Gruppo  sanguigno B, Rh positivo Rh+
  • Elena: Gruppo  sanguigno A, Rh negativo Rh- 

Qualcuno è stato adottato o i figli della coppia sono tutti naturali?

Per svolgere correttamente questo esercizio bisogna conoscere il sistema AB0 ed il fattore Rh.

Ecco due semplici tabelle riassuntive.

Il sistema AB0
Pochi sanno che, sulla superficie della membrana plasmatica, i globuli rossi presentano gli antigeni dei gruppi sanguigni, una sorta di "bandierina" che indica il nostro gruppo sanguigno. Il nostro gruppo sanguigno, naturalmente è scritto nel DNA e, come altre caratteristiche, lo ereditiamo dai nostri genitori.
  • La presenza dell'antigene A indica l'appartenenza al gruppo A.
  • La presenza dell'antigene B indica l'appartenenza al gruppo B.
  • La presenza degli antigeni A e B indica l'appartenenza al gruppo AB  ed è un esempio di codominanza.
  • Nessun antigene indica l'appartenenza al gruppo 0.
Nel sistema AB0 esistono tre possibili alleli per questo è un ottimo esempio di allelia multipla. Ciascuno di noi è portatore di due distinti alleli, uno ereditato dal padre, l'altro dalla madre. Gli alleli IA e IB sono codominanti e si esprimono sempre; l'allele i, invece, è recessivo. Schematizzando:
Gruppo sanguignoPrimo alleleSecondo allele
0ii
AIAi
AIAIA
BIBi
BIBIB
ABIAIB
Tabella di Wikipedia

Il fattore Rh
Nella membrana del globulo rosso, inoltre, può essere presente un altro antigene: il fattore Rh (noto anche come fattore Rhesus)Nel sistema Rh esistono due possibili alleli e vengono indicati con le lettere D e d.
  • La presenza dell'antigene viene indicata con Rh+ (positivo): genotipo DD oppure Dd
  • L'assenza dell'antigene viene indicata con Rh- (negativo) : genotipo dd
Ecco le possibili combinazioni:
Fattore RhPrimo alleleSecondo allele
Rh+DD
Rh+Dd
Rh-dd


Tabella di Wikipedia

Non mi resta che analizzare separatamente il  sistema AB= e il fattore Rh della coppia per capire se possono aver generato effettivamente 4 figli con questi gruppi sanguigni.

Analisi del sistema AB0

L'uomo è di gruppo AB. Il suo genotipo è di conseguenza AB, dato che i due alleli sono codominanti e si esprimono nel fenotipo.

La donna è di gruppo B.
Non sappiamo nulla della sua famiglia d'origine: il suo genotipo potrebbe essere B B oppure B 0.
Dobbiamo valutare entrambi i casi.

Vediamo, quindi, le diverse possibilità di incrocio riassunte un due quadrati di Punnett:
CASO 1) AB x B0

A
B
B
AB
BB
0
A0
B0
50% figli di gruppo B
25% figli di gruppo A
25% figli di gruppo AB

 CASO 2) AB x BB

A
B
B
AB
BB
B
AB
BB
50% figli di gruppo AB
50% figli di gruppo B

Da questa analisi risulta evidente che ci troviamo nel caso 1): la donna ha genotipo B0; viceversa non potremmo spiegate il gruppo sanguigno di Marco ed Elena.

Analisi del Fattore Rh
Abbiamo una coppia in cui entrambi i genitori sono positivi al fattore Rh. Metà dei loro figli, però, è negativa per il fattore Rh; questa situazione si può spiegare solo ritenendo entrambi i genitori eterozigoti per il fattore Rh.


D
d
D
DD
Dd
d
Dd
dd
75% positivi al Fattore Rh
25% negativi al Fattore Rh

Nessun'altra combinazione ci permette di avere figli con Fattore Rh negativo nati da genitori con Fattore Rh positivo.

L'esercizio ci chiede se qualcuno dei bambini è stato adottato. 
La risposta è no. Dato che i gruppi sanguigni dei figli sono compatibili con quelli dei genitori.

Uomo:
gruppo sanguigno AB (genotipo AB)
Fattore Rh+ (eterozigote Dd)

Donna: 
gruppo sanguigno B (genotipo B0)
Fattore Rh+ (eterozigote Dd)

Ecco il quadrato di Punnett con evidenziati i genotipi dei figli:


Spero di aver chiarito meglio i dubbi espressi nel commento!
Un saluto e buon rientro a tutti!
Tania Tanfoglio

24 dicembre 2014

Buone Feste

Auguri di Buone Feste a tutti i miei lettori!


Tania Tanfoglio

10 dicembre 2014

Capire i Disturbi Specifici dell'Apprendimento

Oggi voglio condividere con i miei colleghi e con i lettori del blog alcune risorse didattiche che ho realizzato in questo periodo.

A molti docenti è sicuramente capitato di dover spiegare in classe cosa sono i Disturbi Specifici dell'Apprendimento (D.S.A.). In questi casi, per i ragazzi può essere molto difficile immedesimarsi e comprendere un problema che non hanno mai vissuto. Per questo motivo, ho deciso di sperimentare una serie di attività per aiutarli a comprendere meglio.

Per prima cosa, ho proposto loro questa scheda per riflettere sugli strumenti che ciascuno di noi utilizza per apprendere: in alcune circostanze, alcuni compagni avranno bisogno di strumenti diversi, senza che questo sminuisca il loro risultato o renda meno importante (o più facile) il traguardo raggiunto.
Cliccate sull'immagine per scaricare la risorsa.


Successivamente ho proposto in classe la visione del film Stelle sulla terra: si tratta di un film drammatico del 2007 diretto da Aamir Khan; racconta la storia di un bambino con problemi che saranno riconosciuti come Disturbi Specifici dell'Apprendimento solo in un secondo momento.


Infine, ho proposto quella che, per me, è l'attività più importante.
Mi sono ispirata al video Come può essere così difficile? con Richard D. Lavoie, direttore della Eagle Hill School Outreach, video che vi consiglio caldamente di vedere prima di iniziare quest'ultima attività in classe (durata: 1h e 10 min).


Nella dispensa ho riproposto tutti i materiali presentati da Richard D. Lavoie e li ho strutturati come attività didattiche da proporre ai ragazzi.
Cliccate sull'immagine per scaricare la risorsa.


Ho deciso di pubblicare sul blog questi materiali perché penso che possano essere utili ai colleghi che devono affrontare questo delicato argomento con i loro allievi.

Se le attività che vi ho proposto oggi vi sembrano interessanti, condividete!! E, se vi va, lasciate un commento nello spazio sottostante!

Grazie,
Tania Tanfoglio

13 novembre 2014

The world's biggest vacuum chamber: esperimenti di caduta dei gravi nel vuoto

Uno spettacolare video della BBC sulla caduta dei corpi in assenza di aria, nella camera a vuoto più grande del mondo; è raro vedere un esperimento di questo tipo fatto così... in grande!

Davvero emozionante!

Da far vedere a tutti gli alunni per introdurre l'argomento!

Buona visione,
Tania Tanfoglio

11 novembre 2014

What is Ebola? - Un video

Questa presentazione, realizzata da Geert Coppens con Moovly.com, spiega quali sono le cause ed i sintomi dell'ebola; la presentazione è in inglese, ma le immagini semplici ed intuitive la rendono facilmente comprensibile a tutti. Il messaggio è chiaro: l'importante è attuare tutte le norme di prevenzione.



What is Ebola? from Geert Coppens


Il video può essere utile sia a chi è alla ricerca di informazioni semplici ed attendibili sia agli insegnanti che vogliono parlare dell'argomento in classe.
Tania Tanfoglio

10 novembre 2014

How the sun sees you - Gli effetti del sole sulla pelle

Questo post è per le mie allieve di II EST: da oggi siamo una classe web 2.0 a tutti gli effetti!

Per restare in tema multimediale, pubblico il video che abbiamo visto in classe in modo che possiate rivederlo quando volete.

Il video mostra come appare la nostra pelle con una telecamera che registra le immagini usando la luce ultravioletta anziché la normale luce visibile.


Le radiazioni ultraviolette sono costituite dai raggi UVA, UVB e UVC.
Immagine dal sito: http://www.my-personaltrainer.it/cosmetici-categorie/luce-solare.html

Grazie a questa particolare telecamera sono visibili i cambiamenti della pelle che noi normalmente non vediamo a occhio nudo. 
Cambiamenti legati all'età, agli agenti atmosferici e, sopratutto, le radiazioni ultraviolette del sole e delle lampade abbronzanti.

Il video inoltre mette in luce molto chiaramente l'effetto protettivo degli occhiali da sole e delle creme solari.

Il titolo mi sembra particolarmente azzeccato: How the sun sees you





Riassumo con un'immagine i principali effetti del sole sull'epidermide:
Immagine dal blog http://www.blog-estetica.it/
A questo link potete trovare un interessante post per approfondire l'argomento

Per restare in tema, pubblico anche questa bella infografica sugli effetti del sole, che potete vedere anche con i vostri nuovi tablet! Sapevate che esiste la sindrome compulsiva da sole o tanoressia?


Infografica dal sito http://www.esseredonnaonline.it
Tania Tanfoglio

31 luglio 2014

Il sorriso di Candida: cortometraggio che tratta il tema dell'Alzheimer

Con questo voglio invitare i lettori di Science For Passion a cliccare "Mi piace" sulla Pagina del cortometraggio "Il sorriso di Candida", che tratta il tema dell'Alzheimer.

Il cortometraggio è patrocinato dal CNR, dall'Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) e dalla Croce Rossa Italiana (CRI), e porta in primo piano questa malattia al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni.

Questo il link:
https://www.facebook.com/sorrisodicandida


Tania Tanfoglio

Related posts

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...