08 febbraio 2013

I gruppi sanguigni

Ieri abbiamo parlato del sangue, oggi Tania ed Elisa ci spiegano cosa sono i gruppi sanguigni e la loro importanza.

Il gruppo sanguigno è una delle numerose caratteristiche di un individuo: è ereditato alla nascita e presenta caratteristiche che derivano da entrambi i genitori. Vengono classificati tramite la presenza o l'assenza di antigeni (protenie) sulla superficie dei globuli rossi. Fino al 1901 si ignorava l'esistenza dei gruppi sanguigni: i primi studi sono stati condotti da Karl Landsteiner ed hanno portato alla suddivisione del sangue nei vari gruppi sanguigni del sistema A B 0.  Successivamente è stato scoperto il fattore Rhesus (Rh).

I GLOBULI ROSSI
Figura 1: i globuli rossi
I globuli rossi (eritrociti Fig.1) sono le cellule del sangue il cui compito è il trasposto dei gas respiratori, ossigeno ed anidride carbonica.
I globuli rossi sono caratterizzati da una forma biconcava e da una colorazione rossa rossa, dovuta all’emoglobina, la proteina che si lega ai gas respiratori.
Gli eritrociti non possiedono nucleo, né apparato di Golgi, mitocondri o ribosomi; rimangono nel sangue circa 120 giorni e vengono distrutti dalla milza. La loro produzione avviene nel midollo osseo a partire da una cellula progenitrice.

IL SISTEMA AB0
Pochi sanno che, sulla superficie della membrana plasmatica, i globuli rossi presentano gli antigeni dei gruppi sanguigni, una sorta di "bandierina" che indica il nostro gruppo sanguigno. Il nostro gruppo sanguigno, naturalmente è scritto nel DNA e, come altre caratteristiche, lo ereditiamo dai nostri genitori.

  • La presenza dell'antigene A indica l'appartenenza al gruppo A.
  • La presenza dell'antigene B indica l'appartenenza al gruppo B.
  • La presenza degli antigeni A e B indica l'appartenenza al gruppo AB
  • Nessun antigene indica l'appartenenza al gruppo 0.

Il gene che indica il gruppo sanguigno è formato da due parti, chiamate alleli. Ciascuno di noi è portatore di due distinti alleli, uno ereditato dal padre, l'altro dalla madre.
Schematizzando:


DONATORI E RICEVENTI
  • Gruppo AB: può ricevere da tutti i gruppi sanguigni, ma possono donare solo a se stessi.
  • Gruppo A: può ricevere solo dal gruppo A o dal gruppo 0.  Può donare a se stesso oppure al gruppo AB.
  • Gruppo B: può ricevere solo dal gruppo B o dal gruppo 0.  Può donare a se stesso oppure al gruppo AB.
  • Gruppo 0: può ricevere solo da se stesso,  ma può essere donato a tutti i gruppi sanguigni.
  • Nella donazione del sangue è importante tenere presente anche il fattore Rh. Se il fattore Rh è presente, il sangue è Rh positivo. Se il fattore Rh è assente, il sangue è Rh negativo. Individui Rh positivo, a qualsiasi gruppo appartengano, non possono donare alle persone con Rh negativo. Viceversa, le persone Rh negativo possono donare anche alle persone con Rh positivo.

Elisa e Tania

6 commenti:

  1. Anche se non commento sempre (problema tempo) seguo e leggo i tuoi articoli. Nel caso specifico del progetto che le ragazze hanno realizzato mi sembra il minimo fargli sapere che ho letto ed apprezzato e quindi 30 secondi per commentare credo gli siano dovuti. Sarebbero dovuti sempre anche per i tuoi articoli, ma tu capirai...
    Un saluto
    Marco

    PS:
    volevo aggiungere che oltre ai contenuti sto apprezzando molto anche i disegni

    RispondiElimina
  2. Riferisco! Ho insistito affinché i disegni fossero originali: voglio sradicare la cultura del "copia incolla". Tanti anni fa (così sembro vecchia... :-)
    Qualche anno fa uno studente mi ha presentato una ricerca, non ricordo l'argomento.
    C'era anche una scritta "clicca qui per ingrandire l'immagine"!! Naturalmente non mancavano neppure i link vari sottolineati in azzurro!
    Ciao,
    Tania

    RispondiElimina
  3. Mi associo al commento di Marco. I miei complimenti alle ragazze e all'insegnante:)

    RispondiElimina
  4. Salve,sono Agnese la Tua "studentessa" on line. Ti ringrazio per la risposta veloce e molto soddisfacente (si puo' dire cosi'?)Come Ti ho scritto, l'argomento dei gruppi mi interessa tanto, forse perche' nella mia famiglia il quadro degli essi e' molto ampio. Io sono B Rh negativo, come mio padre, mia mamma e' A Rh positivo, mio fratello maggiore 0 Rh positivo ma quello che ci "batte" e' mio fratello minore, lui e' AB Rh negativo. Sono stata un po' lunga?
    Vi faccio i miei coplimenti per il modo di presentare la scienza, chiaro e semplice. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Agnese! Presto la tua richiesta sarà visibile anche on line! Sai come è possibile una così ampia varietà genetica nella tua famiglia? Riesci a stabilire i geni di ciascuno di voi?
      Grazie per i complimenti,
      A presto,
      Tania

      Elimina

placeholder
placeholder