28 giugno 2012

La fisica della Terra: il rischio sismico e le norme di comportamento

Rischio sismico e pericolosità sismica
Il nostro Paese è, in gran parte, a rischio sismico.
L’entità del rischio sismico dipende dalla probabilità che in una data zona si verifichi un sisma di elevata intensità.

La distribuzione delle aree sismiche viene indicata attraverso mappe di rischio e mappe di pericolosità
Il rischio è un parametro di tipo geologico: indica la probabilità che una zona sia interessata o meno dall'attività sismica. 
La pericolosità è, invece, legata agli effetti che il terremoto provoca sulle persone. 
Una zona può essere caratterizzata da un elevato rischio ma da una bassa pericolosità; un evento tellurico molto intenso, infatti, se avviene in una zona desertica, non causa danni alle persone o all'ambiente.
La costruzione di edifici antisismici rende una zona a rischio sismico sicuramente meno pericolosa.
Mappa del rischio sismico: Europe-Africa-Middle East dal GLOBALSEISMIC HAZARD ASSESSMENT PROGRAM
Mappa del rischio sismico mondiale dal GLOBALSEISMIC HAZARD ASSESSMENT PROGRAM
Norme di comportamento e prevenzione
DURANTE IL TERREMOTO
1. In un luogo chiuso, ripararsi sotto tavoli, architravi o muri portanti. Tenersi lontano dalle finestre o dai mobili o dagli oggetti pesanti, che potrebbero cadere. Non precipitarsi per le scale e non usare l'ascensore.
2. In macchina, se possibile, non sostare vicino a ponti, spiagge o terreni franosi.
3. All'aperto, portarsi in aree spaziose, lontano da edifici o pendii instabili.
DOPO IL TERREMOTO
1. Spegnere fornelli e altre possibili fonti di incendio.
2. Appena possibile, uscire all'aperto con calma.
3. Utilizzare solo le scale non gli ascensori; se possibile, utilizzare le scale di emergenza.
4. Non rientrare negli edifici danneggiati.
5. Se possibile evitare di utilizzare il telefono.
6. Raggiungere rapidamente i centri di raccolta.

Ecco un ottimo opuscolo della Protezione CivilePer scaricarlo, cliccare sull'immagine.
E per i più piccoli, c'è Civilino!
Se volete conoscerlo meglio, vi consiglio questo post su Scientificando:
CIVILINO E IL TERREMOTO: Cartoon educativo.

Conoscere come è fatta la propria casa è importante per affrontare un eventuale terremoto. Eccovi dunque un'interessante animazione realizzata nell'ambito del progetto EDURISK che ho scoperto grazie a questo psot su Gravità ZeroTerremoto in emilia: cosa fare e come tenersi informati.

Per concludere, vi segnalo l'opuscolo Conoscere il terremoto dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia: Per scaricarlo, cliccare sull'immagine.
Questo post partecipa al 32esimo Carnevale della Fisica ospitato da Paolo Pascucci su Questione della Decisione.

Post correlati:

  1. La fisica della Terra: crosta, mantello e nucleo
  2. La fisica della Terra: la teoria della tettonica delle placche
  3. La fisica della Terra: i margini divergenti
  4. La fisica della Terra: i margini trasformi
  5. La fisica della Terra: i margini convergenti
  6. La fisica della Terra: i terremoti
  7. La fisica della Terra: i terremoti e la teoria del rimbalzo elastico
  8. La fisica della Terra: i terremoti e le onde sismiche
  9. La fisica della Terra: i sismografi e le scale sismiche
  10. La fisica della Terra: il rischio sismico e le norme di comportamento
Tania Tanfoglio

2 commenti:

  1. Ciao Tania.
    Non so se questo sia il tuo ultimo articolo della serie "La fisica della terra". Ultimo o no, credo sia ora di farti i complimenti e ringraziarti. Lo faccio su questo articolo ma considera che idealmente i complimenti e ringraziamenti sono per tutti i 10 articoli che hai pubblicato e che io ho letto con molto interesse e piacere. Sono certo che chi ha vissuto in prima persona la tragedia di un terremoto vorrebbe sostituire (nel possibile) la paura con la conoscenza... perché quello che conosci ti fa meno paura.
    Ecco, questo mi piace pensare, mi piace pensare che l'informazione e la conoscenza siano l'arma ideale con cui combattere la paura, o almeno qualcosa che ti aiuti ad affrontarla con più cognizione di causa.
    Io credo che con i tuoi 10 articoli hai dato maggior "coraggio", il coraggio di sapere e quindi comportarsi di conseguenza.
    Grazie. Volevo dirtelo e l'ho fatto.
    Un saluto
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco per queste belle parole. Per me è importante sapere che, anche semplicemente attraverso un blog, è possibile far arrivare un messaggio. E tu hai colto pienamente lo spirito dell'iniziativa. Non si può cancellare il dolore e la sofferenza di chi si è trovato a vivere il terremoto, ma quello che si conosce fa un po' meno paura. Sono davvero contenta della partecipazione così numerosa (ben 58 blogger) al Carnevale di Paolo su Questione della decisione; lui, naturalmente, ha fatto anche uno splendido lavoro di presentazione. Un saluto, Tania

      Elimina

Related posts

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...